Fede e Vita

Battesimo di Gesù – Vicinanza a noi peccatori

planetsurfermcopy-720x340

Nei Vangeli il battesimo di Gesù sembra diventare figura del battesimo della chiesa, il nuovo popolo di Dio: in lui tutto un popolo passa attraverso l’acqua della liberazione, intraprende un nuovo esodo lungo la storia dell’umanità, per trasformarsi sempre più in figlio diletto di Dio.

Lo Spirito che scende su Gesù, e su di lui rimane, rappresenta la forza divina che libera in modo definitivo, che porta dunque a compimento il progetto salvifico di Dio. In questo evento, infatti, Gesù ci mostra l’apertura del cielo, ossia la vicinanza di Dio, non più distante da noi, ma Padre di un popolo di figli, che nell’amore ricevuto e donato si impegnano per il suo Regno nel mondo.

Il Vangelo del battesimo di Gesù lo collega alla sua missione: solidale con i peccatori bisognosi di salve...

Leggi tutto

Voi siete il sale della terra, voi siete la luce del mondo

Sea salt on wooden spoon

Il percorso liturgico di fede, in queste otto domeniche dopo Natale fino alla prossima Quaresima, è centrato sul significato della vicinanza di Dio in Gesù.

Inizia oggi con la memoria del Battesimo di Gesù che l’evangelista presenta con “Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento”.

La vicinanza di Dio in noi, grazie a Gesù, è la base della conversione a cui il Vangelo invita con insistenza: la trasformazione di noi stessi, non un semplice rinnovamento esteriore di facciata, non è fine a se stessa, ma è finalizzata alla testimonianza capace di costruire comunità alternative rispetto alle logiche terrene, comunità sempre più segno del Regno di Dio.

Uno dei temi chiave è costituito dall’appello rivolto da Gesù ai discepoli:
«Voi siete il sale dell...

Leggi tutto

Avvento, tempo di vigilanza

lampada

La liturgia dell’Avvento invita a vivere l’attesa della venuta di Gesù e nelle sue celebrazioni mantiene viva la tensione verso l’incontro con lui. In questo modo dà unità e significato ai diversi momenti della umana quotidianità.

Per ogni cristiano l’attesa di Gesù è un tempo sconvolgente della propria vita: chiede conversione, ossia un continuo mutamento di direzione, dalle mode del mondo alla sequela di Cristo, il solo che può rivelarci il volto del Padre. È nel presente, e nel clima di questa conversione, che si fa concreta la salvezza, la cui manifestazione è la pace: con Dio, tra gli uomini e nel creato.

Il Vangelo esorta alla vigilanza: vegliare significa agire con saggezza, con l’impegno quotidiano a vivere secondo lo stile indicato da Gesù e nel distacco del cuore...

Leggi tutto

Giornata missionaria – La vita cristiana è grazia

fariseo e pubblicano

Gesù inaugura, con la sua Vita e la sua Parola, il Regno di Dio nel quale trova pienezza il destino dell’essere umano e del cosmo intero: per questo la fede in lui è per noi causa di salvezza. Egli solo ci conduce all’incontro con il Padre, la cui “giustificazione” è per noi grazia e non conquista.

La nostra ricerca di lui può svolgersi solo nell’umiltà del pubblicano, non nell’orgoglio religioso del fariseo: è una ricerca che implica riconoscimento della condizione di creature e accettazione della nostra vulnerabilità, per aprirci fiduciosamente alla sua misericordia. Giustificazione allora significa rinnovamento di noi stessi ad opera di Dio: la fede, infatti, ci rende figli e chiede a noi una vita di figli.

Nel Vangelo ci è presentato il contrasto tra la preghiera del...

Leggi tutto