Giubileo, Natale e opere di Misericordia

di | 21 Dicembre 2015

“Il Natale di solito è una festa rumorosa: ci farebbe bene un po’ di silenzio per ascoltare la voce dell’ Amore.

Natale sei tu, quando decidi di nascere di nuovo ogni giorno e lasciare entrare Dio nella tua anima. L’albero di Natale sei tu quando resisti vigoroso ai venti e alle difficoltà della vita. Gli addobbi di Natale sei tu quando le tue virtù sono i colori che adornano la tua vita. La campana di Natale sei tu quando chiami, congreghi e cerchi di unire. Sei anche luce di Natale quando illumini con la tua vita il cammino degli altri con la bontà, la pazienza, l’allegria e la generosità. Gli angeli di Natale sei tu quando canti al mondo un messaggio di pace, di giustizia e di amore.

La stella di Natale sei tu quando conduci qualcuno all’incontro con il Signore. Sei anche i re magi quando dai il meglio che hai, senza tenere conto a chi lo dai. La musica di Natale sei tu quando conquisti l’armonia dentro di te. Il regalo di Natale sei tu quando sei un vero amico e fratello di tutti gli esseri umani. Gli auguri di Natale sei tu quando perdoni e ristabilisci la pace anche quando soffri. Il cenone di Natale sei tu quando sazi di pane e di speranza il povero che ti sta di fianco. Tu sei la notte di Natale quando umile e cosciente ricevi nel silenzio della notte il Salvatore del mondo senza rumori né grandi celebrazioni; tu sei sorriso di confidenza e tenerezza nella pace interiore di un Natale perenne che stabilisce il Regno dentro di te” (Papa Francesco).

Il Giubileo della Misericordia è stato “inaugurato” in tutte le Chiese del pianeta con lo slogan: “Misericordes sicut Pater” (misericordiosi come il Padre). Domenica scorsa il Vangelo presentava tre categorie di persone (la folla, i pubblicani e i soldati) che si rivolgevano a Giovanni Battista con la domanda: “Che cosa dobbiamo fare?“. Nella normalità della vita mettere in pratica la condivisione, la giustizia e la sobrietà avendo come riferimento gli altri. Ebbene, in questo anno giubilare perché non ricordare e partire, a piccoli passi, proprio dalle opere di misericordia corporali e spirituali della tradizione della Chiesa? Quali? Le richiamiamo alla mente e al cuore:

Corporali

  1. Dar da mangiare agli affamati
  2. Dar da bere agli assetati
  3. Vestire gli ignudi
  4. Alloggiare i pellegrini
  5. Visitare gli infermi
  6. Visitare i carcerati
  7. Seppellire i morti

Spirituali

  1. Consigliare i dubbiosi
  2. Insegnare a chi non sa
  3. Ammonire i peccatori
  4. Consolare gli afflitti
  5. Perdonare le offese
  6. Sopportare con pazienza le persone moleste
  7. Pregare Dio per i vivi e i morti