Matti da legame: perché l’amicizia ti porta fuori

di | 23 Dicembre 2015

Matti da legame: perché l’amicizia ti porta fuori”. È questo il titolo della festa giovanissimi 2015 che si è svolta a Bassano il 21 Novembre e che ha visto partecipare ben 2600 ragazzi da tutta la provincia di Vicenza. Insieme a due ospiti sensazionali quali Sammy Basso e lo scrittore Alessandro D’Avenia, si sono trattati temi riguardanti l’amicizia e l’adolescenza,integrando anche le esperienze personali di entrambi.

È stato infatti impressionante ascoltare e percepire tutta la voglia di vivere di Sammy, affetto da progeria, una malattia rara che causa l’invecchiamento precoce. L’ospite, attraverso l’esperienza del suo viaggio negli Stati Uniti, ha cercato di definire quella che per lui è l’amicizia affermando che “l’amico non lo puoi scegliere, è semplicemente lui che ti trova”.

D’Avenia invece, con l’ausilio di diapositive e letture, ha trattato il tema dell’unicità dell’uomo in un Pianeta enorme e in un Universo altrettanto gigantesco. Ha infatti utilizzato come esempio l’impronta digitale del nostro dito indice, una cosa così semplice ma allo stesso tempo talmente complessa da differenziarci da tutte le altre persone che abitano la Terra. Un concetto poi così incredibile da sembrarci addirittura impossibile e, dopo le altre numerose riflessioni, ha terminato il suo discorso affermando: “Da qualche parte nel vasto Universo, sta crescendo un ragazzo. Da qualche parte in questo ragazzo, sta crescendo un Universo”.

Successivamente, dopo la premiazione dei primi 3 vincitori del contest musicale sull’amicizia si è svolta una breve celebrazione, seguita poi da una pausa per la cena rigorosamente al sacco. Terminata questa sono saliti sul palco alcuni gruppi musicali, un deejay e diversi ballerini di hip-hop e break dance che hanno dato letteralmente il via alla seconda parte della serata. Ci si è infatti scatenati in pista insieme ai propri amici al ritmo delle hit più popolari degli ultimi anni e non solo. Tra trenini, balli, urla e salti è però ben presto arrivata la fine della serata e tutti sono stati costretti a tornare a casa.

Insomma, anche quest’anno la festa giovanissimi si è svolta nel migliore dei modi riunendo la bellezza di quasi 3000 ragazzi all’interno di un palazzetto, tutti quanti legati da una grandissima amicizia senza limiti.